XIV congresso regionale della Società Italiana di Angiologia e Patologia Vascolare

Calabria, Mercoledì 14 Giugno 2017 - 12:56 di Redazione

La sezione calabrese della Società Italiana di Angiologia e Patologia Vascolare (SIAPAV) ha tenuto nei giorni scorsi il suo XIV congresso regionale. L’assise, caratterizzata dalla presenza di alcuni tra i più autorevoli specialisti della branca medica, valga per tutti il professor Claudio Allegra, considerato uno dei padri nobili dell’angiologia italiana, si proponeva di trattare argomenti di marcata rilevanza medica, scientifica e sociale. Si è discusso infatti di scleroterapia, linfedema, malattia venosa cronica e ulcere. Ambiti in cui sono stati compiuti notevoli progressi, per cui risultava opportuno razionalizzare le indicazioni alle numerose valutazioni diagnostiche e strategie terapeutiche, oggi a disposizione degli operatori sanitari. Tutto questo, anche al fine di scoraggiare quei comportamenti caratterizzati dalla richiesta indiscriminata di indagini talvolta superflue o addirittura inutili, che non giovano alla salute del paziente e pesano sui bilanci della sanità pubblica. Molto soddisfatto Gianfranco Lessiani, presente al congresso in rappresentanza di Adriana Visonà, presidente nazionale Siapav. “L’appuntamento ha richiamato molti medici (centocinquanta i partecipanti, tra relatori, corsisti e congressisti, ndr) e il livello è stato altamente qualificante – ha commentato Lessiani –; il tutto in sintonia con la filosofia della Società nazionale di accrescere le conoscenze in angiologia e diffonderle il più possibile. Occasioni come questa rappresentano inoltre il modo più efficace per approfondire il dialogo con le Istituzioni sanitarie sul territorio e valorizzare al contempo le nostre sezioni regionali”. Delle prospettive dell’angiologia moderna ha discusso Claudio Allegra che ha parlato di una “ricerca di identità”, soprattutto dopo che a livello europeo si è restituita a questa branca della medicina tutta la sua dignità scientifica. Allegra si è detto “particolarmente lieto” di affrontare il tema proprio in Calabria, ricordando che fu nel corso della sua presidenza che nacque la sezione regionale Siapav. Nella geografia della Società medica, infatti, la nostra regione fino ad allora era accorpata alla Sicilia. “Oggi che a livello europeo si sono ricreate le condizioni per istituire nuove scuole di angiologia e quindi formare nuove leve di specialisti, ritengo che la Calabria possa candidarsi ad ospitarne una perché la regione ha dignità e diritto per farlo”. Il congresso regionale Siapav si è concluso con l’elezione del direttivo che, a sua volta, eleggerà il presidente della Società in Calabria. Questi prenderà il posto di Elia Diaco, che ha concluso il suo mandato triennale e per il quale si prospetta un incarico nazionale.



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code