Giochi d’azzardo, ecco quanto si è giocato (e perso) in Calabria

Calabria, Giovedì 22 Febbraio 2018 - 15:47 di Redazione

Sebbene la Calabria non rappresenti certamente la regione d’Italia in cui si gioca di più, i dati relativi all’ammontare delle spese effettuate nel comparto del gaming sono tutt’altro che risibili e sottovalutabili e, soprattutto, sono ben in grado di rappresentare in che modo si sta evolvendo questo settore, che nel 2018 dovrebbe poter evidenziare un nuovo tasso di crescita, per la gioia di tutti gli operatori nazionali e internazionali che stanno presidiando il mercato regionale.

Nel dettaglio, gli elementi statistici ufficiali forniti dal Monopoli di Stato dichiarano come nel 2016 (i dati 2017 non sono ancora stati resi disponibili), i calabresi abbiano giocato complessivamente 1 miliardo e 820 milioni di euro. Su questo ammontare di spesa, al netto delle vincite maturate, la perdita totale è stata pari a 307 milioni di euro, sebbene sul valore ufficiale stia pesando la maxi-vincita al Superenalotto pari a 165 milioni di euro.

Ne deriva che, al netto della maxi-vincita maturata al Superenalotto, i calabresi nel 2016 avrebbero perso 472 milioni di euro, in netto aumento rispetto al 2015, anno in cui vennero invece persi 390 milioni di euro. Per quanto riguarda la distribuzione delle perdite, si registra una correlazione piuttosto stretta sul totale dell’ammontare delle spese e delle scommesse. Di fatti, oltre il 50% di queste perdite è derivato dall’uso di slot-machine e di videolottery, che risultano altresì essere gli strumenti di gioco più fruiti in Calabria (e non solo).

In forte crescita è anche il ricorso alle piattaforme digitali. Le roulette online, le slot digitali e le altre forme di entertainment ludico proposte dai principali operatori sul web, hanno guadagnato vigoroso terreno nel corso del 2017, e la tendenza dovrebbe peraltro confermarsi anche nel 2018, anno che dovrebbe caratterizzarsi per una nuova accelerazione del comparto.

Un’altra delle principali tendenze che dovrebbe materializzarsi nel corso dell’anno dovrebbe poi essere quella legata al gaming in mobilità. Gli smartphone e i tablet stanno conquistando crescenti posizioni nella preferenza degli italiani alle prese con le scommesse e con i casino online, e tutto lascia intendere che anche nel 2018 la fruibilità possa proseguire. Merito anche degli operatori del settore, che hanno predisposto app sempre più affidabili per poter guidare gli utenti verso questo settore, accompagnandoli verso la soddisfazione di un’esigenza molto diffusa, quale quella di poter giocare ovunque, in qualsiasi momento e in ogni condizione.

A questo punto, l’attenzione degli analisti di settore si sposta rapidamente verso l’attesa della pubblicazione dei dati ufficiali 2017, dai quali ci si attende una conferma delle stime che sono state formulate nelle scorse settimane, con crescite diffuse in doppia cifra per tutti i principali settori di riferimento del gaming online. Per quanto concerne il 2018, le stime in corso di formulazione sembrano ribadire gli auspici sopra elaborati e, dunque, supportare l’intuizione che il business del gioco online saprà proporsi in maniera sempre più ampia e sempre più personalizzata, incontrando le mutevoli preferenze da parte della crescente utenza di scommettitori, online o offline.



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code