Preparare la pizza: i consigli per farla al meglio

Calabria, Martedì 08 Maggio 2018 - 11:53 di Redazione

La pizza è in apparenza un prodotto semplice da preparare: per farla al meglio è necessaria una buona maestria, esperienza e fantasia. I Maestri pizzaioli professionisti conoscono bene i trucchi “del mestiere”, per questo è bene evitare questi 8 errori più comuni che possono compromettere il risultato finale. Per preparare una pizza “casalinga” squisita come quella delle pizzerie occorre seguire i consigli dei migliori pizzaioli napoletani.   

Pizza “casalinga” come quella della pizzeria: ecco gli errori da evitare

Per cucinare una pizza soffice e squisita come quella preparata dai Maestri pizzaioli è bene evitare seguire una guida che aiuti a non commettere gli errori più comuni che incidono negativamente sul buon risultato finale.

Esistono moltissimi tipi di pizza ed ogni persona ha la sua preferita: alta e soffice, bassa e croccante, base rossa e/o bianca, super farcita o margherita. Preparare la pizza a casa è un’esperienza davvero divertente ed assolutamente interessante per quanti vogliono gustarla in ogni momento, senza doversi recare in pizzeria.

Ma quali sono gli errori che devono essere evitati? Impastare la farina per preparare una buona pizza non è assolutamente complicato, occorre seguire qualche piccolo consiglio ad hoc per evitare “disastri” e delusioni in cucina.

Ecco gli 8 errori comuni da evitare.

1.    Utilizzo della farina forte, dura e morbida

Un primo comunissimo errore è quello di sbagliare la scelta del tipo di farina per preparare l’impasto per una buona pizza. Per impastare una pizza “casalinga” squisita e soffice non si deve mai utilizzare una farina troppo forte, ma occorre prediligere una farina il cui contenuto di proteine sia compreso in un range tra i 10 e i 12 grammi. Se si sbaglia la scelta di questo primissimo ingrediente, si rischia di compromettere la bontà del risultato finale. Parimenti, i Maestri pizzaioli sconsigliano l’utilizzo di una farina troppo “morbida” che inibisce la naturale lievitazione e l’uso di una farina troppo “dura” che la rende “gommosa” e difficile da digerire.

2.    Mescolare lievito e sale

Un altro errore grossolano che viene compiuto nella maggior parte dei casi è quello di mescolare lievito e sale: è buon consiglio “diluirli” in acqua in due recipienti diversi e, successivamente, unirli alla farina.

3.    Fare riposare l’impasto per un breve lasso di tempo

Per preparare a casa una pizza perfetta, uno dei segreti principali è quello di fare riposare l’impasto per un lasso temporale piuttosto lungo. In una prima fase il lievito deve riposare per circa due o tre ore. Decorso questo lasso di tempo, si provveda a rovesciare il composto e a suddividerlo in panetti che devono essere lasciati riposare per circa 6/8 ore. In questa seconda fase di lievitazione l’impasto riceve la giusta “morbidezza”: se non si rispettano tali tempistiche, si corre il rischio di preparare una pizza dall’impasto troppo duro e gommoso. 

4.    Manipolare troppo l’impasto

Per rendere la pasta della pizza morbida e soffice, è bene evitare di manipolare troppo l’impasto: ogni panetto deve essere lavorato ad hoc, il movimento delle mani deve essere “dolce” e naturale: un errore comune è quello di utilizzare il mattarello per stendere l’impasto della pizza. I Maestri pizzaioli napoletani consigliano l’utilizzo dei polpastrelli delle dita per manipolare ad hoc la base di una buona pizza.

5.    Utilizzare la placca da forno

Anche la teglia gioca un ruolo importante nella preparazione di una pizza perfetta: tutti i migliori pizzaioli del mondo consigliano di evitare l’utilizzo della normale placca da forno, in quanto troppo spessa. Per preparare una squisita pizza “casalinga” è meglio optare per una teglia in alluminio sottile oppure in pietra refrattaria.

6.    Scegliere una mozzarella troppo “acquosa”

Uno degli errori più comuni che si commette nella preparazione di una pizza gustosa è quella di scegliere una mozzarella troppo “acquosa” e troppo ricca di siero di latte. I bravi pizzaioli prima di cuocere la mozzarella sulla pasta provvedono a “scolarla” per alcune ore su uno scolapasta. Anche la mozzarella di bufala deve essere “scolata” per almeno sei ore in frigorifero su uno scolapasta prima di essere cotta sulla base della pizza.

7.    Fare cuocere pasta ed ingredienti subito

I maestri pizzaioli consigliano di infornare la pasta della pizza solo con il pomodoro, solo al termine della cottura occorre aggiungere la mozzarella e gli altri ingredienti (la “farcitura”). Prosciutto crudo, speck, tonno, zucchine, funghi, gamberetti, rucola, pomodorini devono essere aggiunti qualche istante prima della presentazione a tavola.

8.    Scelta del forno e della temperatura

Per preparare una pizza perfetta, specie se il risultato deve essere professionale, occorre dotarsi di forno professionale che consenta di beneficiare di una cottura perfetta, come quella consigliata dai migliori Maestri pizzaioli napoletani.

La temperatura ideale deve essere intorno ai 300 gradi se la cottura avviene nel forno per pizza elettrico o di 450 gradi se avviene nel forno a legna. È bene prediligere sempre la modalità statica con «calore dal basso» e occorre disporre la pizza il più in basso possibile.

Se riuscirai ed evitare tutti questi errori, anche tu potrai sfornare pizze davvero perfette e prelibate!  



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code