Beni società ceduti prima del fallimento, denunce

Calabria, Giovedì 18 Maggio 2017 - 10:27 di Redazione

Gli amministratori di una società cosentina operante nel settore edile sono stati denunciati dalla Guardia di finanza per bancarotta fraudolenta. La società, formalmente gestita da un amministrare fittizio, dopo aver accumulato debiti per circa 5 milioni di euro, ha ceduto i beni aziendali ad altra società controllata dallo stesso amministratore ed è stata avviata la procedura di fallimento. I finanzieri del Nucleo di polizia tributaria di Cosenza, nell'ambito delle indagini coordinate dalla Procura diretta da Mario Spagnuolo, hanno accertato che prima della dichiarazione di fallimento, la società, per evitare il pagamento dei debiti, ha venduto terreni e mezzi oltre la titolarità di attestazioni di qualificazione necessarie per la partecipazione alle gare pubbliche, vera "ricchezza patrimoniale". Al termine dell'operazione la società si è dimostrata una "scatola vuota" non più in grado di saldare i debiti. Il vero amministratore e quello fittizio sono stati denunciati e i beni ceduti sequestrati.

Ansa



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code