Operazione Jonny, restano in carcere Sacco e Don Scordio

Calabria, Venerdì 19 Maggio 2017 - 08:16 di Redazione

Restano in carcere Leonardo Sacco, capo della Misericordia di Isola Capo Rizzuto, e don Edoardo Scordio, parroco della stesso comune del Crotonese, fermati lunedì scorso in esecuzione di un provvedimento emesso dalla Dda di Catanzaro nell'ambito dell'inchiesta "Jonny" sui presunti illeciti nella gestione del centro di accoglienza per migranti.    Il Gip di Crotone, Abigail Mellace, non ha convalidato i fermi di Sacco e Scordio, ma ha emesso nei loro confronti la misura cautelare concordando con l'impianto accusatorio sostenuto dalla Dda secondo cui il centro di accoglienza di Isola Capo Rizzuto sarebbe stato controllato dalla cosca Arena della 'ndrangheta. Secondo le risultanze dell'inchiesta condotta dalla Dda di Catanzaro, il Cara di Isola Capo Rizzuto, in particolare, era diventato una sorta di "bancomat" della cosca Arena, che si sarebbe appropriata dei fondi destinati alla struttura, per un totale di 36 milioni di euro.

Ansa



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code