Sinergia tra enti, migrante 16enne può vedere

Calabria, Venerdì 16 Giugno 2017 - 15:37 di Redazione

 Ha perso un occhio per una malattia aggravata dalle sofferenze patite durante il viaggio che dall'Africa lo ha portato i Italia a bordo di un barcone, ma ha avuto salvo l'altro occhio grazie alle cure avute in Calabria grazie all'azione sinergica messa in atto dal presidente del Tribunale per i minorenni di Reggio Roberto Di Bella. E' la storia di un migrante 16enne non accompagnato al quale un delicato intervento chirurgico all'occhio sinistro eseguito nell'ospedale civile di Melito Porto Salvo "T. Evoli", perfettamente riuscito, ha salvato l'occhio sinistro da un contagio. Di Bella, infatti, ha immesso anticipatamente nelle funzioni il tutore provvisorio del minore, l'avv. Caterina Siviglia, che ha così potuto, grazie ad un lavoro di rete con i sanitari dell'Ospedale e con gli operatori della casa di accoglienza, rendere possibile l'esecuzione dell'intervento chirurgico in tempi rapidissimi, riaccendendo le speranze del giovane che sogna di studiare e di diventare informatico.

Ansa



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code