Rubano 460 kg di pesche, in manette madre e figlio

Calabria, Mercoledì 09 Agosto 2017 - 11:26 di Redazione

Avevano rubato quasi cinque quintali di pesche da un frutteto e si accingevano ad allontanarsi quando sono stati sorpresi dai finanzieri del Gruppo di Sibari. Madre e figlio, rispettivamente F.Z., di 63 anni, e S.P., di 43, entrambi noti alle forze dell'ordine, sono stati arrestati, in flagranza di reato. La donna è stata posta ai domiciliari mentre il figlio è stato condotto nel carcere di Castrovillari.    I due erano ancora all'interno del pescheto di Lauropoli e a bordo della loro auto, carica di frutta nel vano posteriore, si apprestavano ad allontanarsi. La refurtiva recuperata dai finanzieri, quantificata in 460 chili di pesche, è stata consegnata al legittimo proprietario. L'operazione ha evitato che la frutta venisse immessa sul mercato con la possibile presenza di insetticidi ancora efficaci e perciò nocivi per la salute umana.

Ansa



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code