Confiscati beni a moglie presunto boss

Calabria, Mercoledì 13 Settembre 2017 - 09:40 di Redazione

Beni immobili per un valore di 350 mila euro sono stati confiscati a Paola Ceraudo, moglie di Vincenzo Comberiati, ritenuto a capo della cosca di 'ndrangheta di Petilia Policastro. La confisca è stata eseguita dalla Guardia di finanza di Crotone su disposizione della Sezione misure di prevenzione della Corte d'Appello di Catanzaro e in accoglimento di un ricorso presentato dalla Direzione distrettuale antimafia catanzarese avverso ad un decreto di rigetto della misura emesso nell'ottobre 2015 dal Tribunale di Crotone.    In particolare, a seguito di lunghe, complesse e articolate indagini di polizia giudiziaria ed economico finanziaria e attraverso accertamenti bancari e incrocio delle informazioni acquisite con i dati rilevati dalle banche dati della Guardia di Finanza, sono stati confiscati alla consorte di Comberiati una lussuosa villa e 17 terreni ubicati nei territori dei comuni di Petilia Policastro e Mesoraca.

Ansa



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code