Sequestrato capannone rurale abusivo

Calabria, Sabato 20 Gennaio 2018 - 09:06 di Redazione

Un capannone rurale abusivo è stato sequestrato nelle campagne di Strongoli dai carabinieri forestali. La notizia viene diffusa al termine degli accertamenti avviati dai militari nei giorni scorsi. Essi hanno portato al deferimento del committente dell’opera all’Autorità giudiziaria.   Durante un servizio di controllo del territorio orientato alla prevenzione degli abusi edilizi la stazione CC forestale Cirò ha localizzato un capannone nella loc. Manca della Casa del comune di Strongoli in un’area olivetata. I militari hanno voluto eseguire accertamenti presso l’ufficio tecnico per verificare la regolarità della costruzione. È emerso che l’opera era priva di qualsivoglia atto d’assenso che ne legittimasse l’edificazione. Il fabbricato è stato realizzato recentemente all’interno di un fondo chiuso, con muri in conglomerato cementizio su tre lati e una parete in lamiera coibentata sul quarto lato. Misura in pianta circa 7 m x 20 m ed è coperto da un’unica falda in lamiera coibentata posta ad un’altezza media di circa 4 m. Il capannone è stato sequestrato e la notizia viene ora diffusa in seguito alla convalida del sequestro effettuata dal Giudice delle indagini preliminari. Il responsabile della realizzazione del manufatto, un uomo di 43 anni residente nel comune di Strongoli, è stato deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Crotone per abusivismo edilizio. L’attività effettuata dai militari è volta a contrastare l’abusivismo edilizio, una delle forme più diffuse di illegalità nel territorio del Marchesato, che comporta il consumo di suolo oltre a forme di deturpamento del paesaggio.



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code