Nuovi sbarchi, Corbelli e Manoccio domani di nuovo a Corigliano

Calabria, Sabato 15 Luglio 2017 - 08:49 di Redazione

Domani, sabato 15, il delegato della Regione per l’immigrazione Giovanni Manoccio e Franco Corbelli, delegato per la promozione e la tutela dei diritti umani e fondatore del Movimento Diritti Civili, saranno di nuovo al porto di Corigliano dove è previsto – informa l’ufficio stampa della Giunta - un nuovo sbarco di oltre 900 migranti di cui più di 200 i minori non accompagnati. Corbelli e Manoccio, che hanno partecipato, ieri, al vertice in prefettura a Cosenza, alla presenza del prefetto Gianfranco Tomao e del procuratore della Repubblica di Castrovillari Eugenio Facciolla, saranno a Corigliano per affrontare l’emergenza minori, che si fa purtroppo sempre più drammatica e ingestibile. A questo proposito Corbelli ha reso noto che l’assessore alle politiche sociali Marisa Chiurco, sentita anche oggi telefonicamente, ha riferito di aver scritto a tutte le autorità preposte per segnalare l’impossibilità del comune di far fronte al nuovo sbarco di minori previsto per domani, essendo ancora presenti nel palazzetto dello sport altri 100 ragazzi, dell’ultimo sbarco del 29 giugno, a cui non si riesce, nonostante gli sforzi, a trovare una sistemazione in strutture adeguate. Corbelli difende a spada tratta l’operato della Calabria (lo farà anche domani, nel corso del suo programma Diritti Civili, in onda su Ten alle 14 e alle 23) e condanna duramente l’Europa che dichiara “con un comportamento vigliacco, ha lasciato da solo il nostro Paese” e critica “quanti, nella nostra regione, per motivi politici, attaccano strumentalmente il Governatore calabrese che va invece apprezzato per come la struttura regionale dell’accoglienza, grazie anche alla meravigliosa opera di tante associazioni di volontariato, sta affrontando la drammatica emergenza umanitaria”. “Nel Palazzetto dello sport di Corigliano – aggiunge Corbelli - la situazione dei minori non accompagnati, sbarcati oltre due settimane fa, resta assai critica. Restano infatti ancora un centinaio di minori non accompagnati. Con l’assessore alle Politiche sociali del comune di Corigliano, Marisa Chiurco, con la quale io e Manoccio agiamo ogni giorno in stretto contatto, siamo sino a questo momento riusciti, con il coordinamento della prefettura, a sistemarne più di un centinaio, di questi poco più che adolescenti. Siamo costantemente impegnati, con la Regione, per trovare a tutti una sistemazione dignitosa. Stiamo personalmente continuando a contattare alcuni sindaci  e responsabili di strutture di accoglienza. Il nuovo sbarco di domani aggrava purtroppo la situazione, rendendo tutto più difficile, complicato e a forte rischio. Il comune di Corigliano, come ha scritto l’assessore Chiurco, nella lettera che è stata indirizzata anche a me e a Manoccio, quali delegati della Regione, non è più in grado di gestire questa emergenza dei minori. Occorre per questo un intervento immediato e urgente del Ministero degli Interni con soluzioni e provvedimenti straordinari. La stessa prefettura – spiega il delegato  tutela diritti umani -, nonostante il grande sforzo profuso, non è in grado da sola di risolvere questo grave problema. Se non si interviene subito domani a Corigliano la situazione potrebbe precipitare. Io e Manoccio – ribadisce infine Corbelli - saremo ancora una volta al porto impegnati e con la speranza che si trovi una alternativa immediata alla permanenza (purtroppo, come ha spiegato nella sua lettera l’assessore Chiurco, pressoché impossibile) dei minori a Corigliano”.  



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code