Minniti a Diamante: "dove la ndrangheta comanda non c’è democrazia"

Calabria, Lunedì 20 Novembre 2017 - 19:45 di Redazione

«Dove le mafie comandano dove la ndrangheta comanda non c’è democrazia non ci sono valori costruttivi: i valori sono quelli della violenza, della prevaricazione,  della morte. Non dobbiamo consentire a nessuno di rubare il nostro futuro. » Lo ha detto questa mattina il Ministro dell’Interno Marco Minniti  nel concludere  l’iniziativa  che si è svolta presso l’Istituto Comprensivo di Diamante e nel corso della quale sono stati premiati i vincitori di un concorso che ha visto coinvolti gli alunni delle Medie, invitati a presentare un breve testo idealmente indirizzato a una personalità che si è battuta per l’affermazione della legalità.  E’ stato il Ministro a premiare le tre vincitrici: Martina Di Falco della  III B autrice di un testo dedicato al commissario Luigi Calabresi; Annamaria Liserre, della III A con uno scritto indirizzato a Giancarlo Siani; Diletta Tierro, anch’essa della III A, che ha idealmente scritto a Peppino Impastato.  « Le tre persone  a cui avete dedicato i vostri componimenti  – ha detto ancora il Ministro Minniti -  hanno scritto un pezzo della storia del nostro paese.  Toccherà a voi portare avanti quella storia, con senso di responsabilità,  ma anche con leggerezza . Il senso di responsabilità e  la   leggerezza che deriva dal fatto che siete dalla parte della ragione». Un plauso è stato rivolto, dagli intervenuti, a tutti gli studenti che hanno partecipato e agli insegnanti che hanno seguito il progetto sulla legalità.  La manifestazione organizzata dall’Istituto Comprensivo e dall’Amministrazione si è aperta con l’arrivo del Ministro accolto entusiasticamente dagli alunni della scuola cittadina e con l’esecuzione dell’Inno di Mameli da parte dell’orchestra dell’Istituto Comprensivo diretta dal Maestro Pietro Perrone.  Presenti le maggiori autorità civili, militari e religiose e tra queste il Prefetto di Cosenza Gianfranco Tomao, il Questore Gianfranco Conticchio, i comandanti  dei diversi Corpi delle Forze dell’Ordine, il Presidente della Provincia Francesco Iacucci. Sono intervenuti: il Deputato Ernesto Magorno ha voluto ringraziare il Ministro Marco Minniti sottolineando la sua capacità di andare con lo Stato tra la gente e nelle scuole com’è  avvenuto questa mattina a Diamante. Il Dirigente dell’Istituto Comprensivo, Leopoldo Di Pasqua   ha dato  l’importante annuncio dell’avvio della procedura dell’intitolazione dell’Istituto Comprensivo a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.  Il Sindaco di Diamante, Gaetano Sollazzo, che ha dato il benvenuto  e sottolineato il lavoro e  l’impegno del Ministro Minniti sia sul fronte del contrasto alla criminalità organizzata che su quello, sentito e attuale, dell’immigrazione. Il Procuratore della Repubblica di Paola Pierpaolo Bruni ha invitato i ragazzi  a mantenere autonomia di giudizio e libertà nel pensiero, sull’esempio di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Il Dirigente dell’Ufficio Scolastico Regionale, Diego Bouchè,  ha elogiato   l’importanza  del lavoro svolto dalla scuola sottolineando la valenza dell’iniziativa. A coordinare i diversi momenti della mattinata è stato il giornalista Giuseppe Gallelli. Una giornata speciale  dedicato al fondamentale tema della legalità per la quale l’Amministrazione Comunale ringrazia tutti coloro che hanno partecipato e coloro, dalle Forze dell’ordine al personale comunale e scolastico, che  hanno contribuito alla sua piena riuscita.  



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code