Insieme con i precari dei vigili del fuoco contro la distruzione

Calabria, Mercoledì 22 Novembre 2017 - 14:11 di Redazione

Servirebbe avere occhi profondi grandi come due pozzi neri, per buttarci dentro tutte le ingiustizie che vedi e senti e, dove le stesse sono la risultante dell’oppressione di tutte quelle che sono le voci degli ultimi e quindi di tutto il popolo. Dopo esserci documentati e dopo aver appreso tutte le notizie (fino a ieri), in riferimento ai vari comunicati fatti dal Coordinamento Regionale dell’Unione Sindacale di Base del comparto dei Vigili del Fuoco della Calabria, sentiamo nel più profondo di noi stessi di dire la nostra (Partito di Rifondazione Comunista Calabria – Catanzaro e Crotone i cui referenti sono Mario Sinopoli, Antonio Campanella e Franco Coricello – Dall’USB del Ministero dell’Interno del Coordinamento Nazionale il cui referente è Bruno Stirparo – Dal Sindacato Cobas Lavoro Privato il cui il referente è il Dott. Stefano Mancuso – Dai Partigiani della Scuola Pubblica la cui portavoce della Calabria è la Dott.ssa Bianca Laura Granato - Dall’ARCIGay della Provincia di Cosenza – Dall’ARCIGay Fenice di Catanzaro il cui segretario è Antonio Migliazze) per contrastare con tutte le forze di legalità e trasparenza i fenomeni della povertà dei precari VV.F. e soprattutto contrastare chiunque non voglia questa Risoluzione Fiano nella sua totalità, attraverso la Reinternalizzazione dei servizi per il personale che ha superato il quarantunesimo anno di età. Eppure la prima Commissione Affari Costituzionali e la Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, hanno approvato, espresso e reso noto il volere positivo nei confronti di tutti i precari VV.F., ma si sa siamo in Italia e tutto ciò che viene approvato e sancito viene sempre bypassato con le solite tresche del politichese e con i giochi di palazzo delle grandi menti capitaliste. Continuiamo a dire che questa situazione non è accettabile per tutti i lavoratori precari VV.F.,  perché il diritto Costituzionale del Lavoro non lo si nega a nessuno e ne tanto meno facendo discriminazione tra i lavoratori (età, sessualità, orientamento religioso, diplomi, ecc..) chi ha lavorato di più o meno, hanno tutti il diritto al lavoro ed a una vita dignitosa, in primis gli anziani di decreto, poiché dietro le loro spalle hanno un percorso in cui hanno dato tanto da precari e di conseguenza hanno acquisito moltissima esperienza nel soccorso tecnico urgente. Sia che si abbiano 100gg lavorativi sia che se ne abbiano 1000 gg bisogna riconoscere ogni diritto del caso. Vogliamo anche noi mettere nero su bianco puntualizzando che quella proposta dei 500 gg in cinque anni (nei confronti del personale Over) è inaccettabile e quindi è da “STRALCIARE”, perché così si contribuisce solo a favorire i pochi intimi ed in definitiva a compiere una vera e propria carneficina. Quindi devono essere assunti (come emanato dalla Risoluzione Fiano) tutti e neanche uno di questi precari VV.F. deve rimanere al di fuori di questo disegno perfetto, portato avanti solo dall’Unione Sindacale di Base dei Vigili del Fuoco insieme a tutti i lavoratori precari VV.F., appoggiato in pieno da tutti noi (come prima elencato) anche se è stato ed è ancora oggi denigrato da tanti altri. Infatti abbiamo deciso all’unisono che se non verrà attuata la Risoluzione Fiano come è stata scritta e sancita, tutti noi (Partito di Rifondazione Comunista Calabria - Dall’USB del Ministero dell’Interno del Coordinamento Nazionale – Dal Sindacato Cobas Lavoro Privato – Dai Partigiani della Scuola Pubblica - Dall’ARCIGay della Provincia di Cosenza – Dall’ARCIGay Fenice di Catanzaro) ci aggreggeremo e ci  mobiliteremo al fianco dei lavoratori precari dei Vigili del Fuoco, in tutto e per tutto anche andando alla Caritas, perché bisogna espletare quello che tutti hanno condiviso ed approvato, portato avanti solo con le sole lotte di piazza che USB VV.F. e tutti quanti noi facciamo ogni giorno, e non facendo la lotta nei palazzi o facendo selfie ricordo, perché in queste azione di lotta c’è ben poco. Non vogliamo in alcun modo accettare inermi le intimidazioni e le azioni deleterie di soggetti che non badano al bene comune, ci impegneremo sempre a contrastare ogni comportamento distruttivo, con la costruttività di azioni che confermano sempre di più che le vittorie hanno il nome di tutti i lavoratori e dei lottatori che non mollano mai.                                                                                      

Il Partito di Rifondazione Comunista Calabria        Il Sindacato Cobas Lavoro Privato Dott. Stefano Mancuso Il Coordinamento Nazionale USB Ministero dell’Interno  Bruno Stirparo  I Partigiani della Scuola Pubblica - Sezione Calabria Dott.ssa Bianca Laura Granato    L’ARCIGay della Provincia di Cosenza   L’ARCIGay Fenice di Catanzaro Antonio Migliazze



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code