Strutture assistenziali territoriali, associazioni lanciano grido d'aiuto

Calabria, Lunedì 15 Gennaio 2018 - 20:19 di Redazione

Le Associazioni UNEBA, ANASTE, ARIS, AIOP ed AGIDAE, essendo state coinvolte le strutture assistenziali territoriali rappresentate di tutta la Regione Calabria, sentono di dover intervenire in merito alla querelle tra il Sindaco di Catanzaro, Sergio Abramo, e i Direttori Generali dall'Ospedale PuglieseCiaccio e del Policlinico. Il Dg Belcastro ha sottolineato, in un’intervista comparsa sui giornali, che “il ruolo degli Ospedali è quello di assistere gli ammalati nella fase acuta o grave della malattia”… che “una volta stabilizzati vanno dimessi e se le loro condizioni non permettono ancora un ritorno a casa, è necessario attivare il sistema di dimissioni protette presso le strutture di cure intermedie (ad esempio Residenze Sanitarie Assistenziali) ..che rendono un servizio prezioso ed insostituibile e che a torto vengono considerate dei centri di costo, anziché strutture assistenziali dove vengono presi in carico tanti pazienti con patologie croniche,che non possono essere più seguiti in ospedale, ma non possono essere nemmeno gestiti a casa”. Nel condividere le parole del Direttore Belcastro, sentiamo di dover specificare quanto segue, portando la discussione dal livello comunale a quello regionale. Rsa, Case Protette e centri di riabilitazione offrono assistenza a soggetti anziani e disabili su tutto il territorio regionale, anche nelle zone dell’entroterra, e rappresentano una risposta ai bisogni della popolazione calabrese cui la rete ospedaliera non può far fronte. All'interno delle strutture territoriali, trovano accoglienza anziani e/o disabili che, per le proprie condizioni di salute, necessitano di assistenza ininterrotta ( anche specialistica ) come, per esempio, pazienti con piaghe da decubito, con complicanze cardiologiche e polmonari, alzheimeriani, malati di SLA. Nonostante ciò, negli anni si è assistito ad una continua riduzione dei posti letto, al blocco dei ricoveri e nonché a previsioni di budget insufficienti a coprire le richieste di assistenza approvate e valutare delle commissioni mediche delle stesse Aziende Sanitarie Provinciali. Da due anni, le Associazioni di categoria insistono nel segnalare l'esiguità dei budget assegnati per l'assistenza territoriale. Già agli inizi di novembre, le strutture territoriali hanno terminato la propria copertura finanziaria e si trovano costretti ad erogare prestazioni oltre i tetti di spesa. Un'Azienda provinciale ha addirittura informato gli Erogatori del proprio territorio di ritenere che le valutazioni dello stato di salute e di bisogno dei pazienti perdono la loro validità alla concorrenza del budget sottoscritto!! In pratica, persone ritenute non autosufficienti, non assistibili al domicilio e bisognose di assistenza continuativa recupererebbero - miracolosamente – una buona condizione fisica al raggiungimento del tetto di spesa!! Nessuno dell'Azienda, però, si è assunto la responsabilità di DICHIARARE IL PAZIENTE IDONEO AD ESSERE DIMESSO o di comunicare i TEMPI E MODI DI TRASFERIMENTO DEI PAZIENTI PRESSO ALTRE STRUTTURE CHE SARANNO RITENUTE IDONEE!!Si ricorda che, nelle Strutture, vengono ricoverate PERSONE, che sono titolari di un diritto fondamentale costituzionalmente garantito, il diritto alla tutela della propria Salute. Perciò, prendendo spunto dal grande interesse dimostrato dal Sindaco Abramo per la vicenda sanitaria, lo si invita, unitamente a tutti i Sindaci della Calabria, a farsi portavoce presso le Istituzioni dei bisogni di salute dei propri territori e a combattere affinché non ci siano Regioni di serie A, in cui l'assistenza è un diritto, e regioni di serie B, in cui l'assistenza è solo un costo da contenere! Le Associazioni di categoria - che rappresentano un settore che conta quasi 5000 posti letto e più di 5000 unità lavorative impiegate, per lo più, a tempo indeterminato - lanciano un grido d'aiuto: nell’indifferenza delle Istituzioni - camuffata dall’inefficienza della macchina burocratica - si rischia di far saltare tutta la rete dell’assistenza territoriale che, inevitabilmente, travolgerà anche la rete ospedaliera.

UNEBA Calabria                        AIOP Calabria                  ANASTE Calabria         AGIDAE Calabria

Il Presidente                         Il Referente                          Il Presidente                Il referente

Dott. Ferdinando Scorza      Dott. Francesco Caroselli      Dott. Michele Garo        Dott. Massimo Poggi



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code