Tallini a D'Ippolito: "Mi quereli pure"

Calabria, Domenica 18 Febbraio 2018 - 18:29 di Redazione

“Capisco l’imbarazzo dell’avv. D’Ippolito, candidato ripescato del Movimento Cinquestelle (che lo aveva relegato in panchina non ritenendolo evidentemente idoneo al ruolo), a dovere ammettere di essere stato per dieci anni avvocato del Monte dei Paschi di Siena e quindi facente parte del sistema bancario che ha vessato tanti risparmiatori italiani. Era stato molto abile l’avv. D’Ippolito a cancellare dal suo curriculum questo suo imbarazzante passato professionale, certamente non in linea con il suo movimento politico. A differenza del suo capo, l’ex comico Beppe Grillo, l’avv. D’Ippolito non ha il senso dell’humor e addirittura si offende se qualcuno sul web ha fatto dell’ironia innocente sui suoi trascorsi nella banca senese. Faccia semmai un po' di mea culpa, visto che non esita a spargere odio e veleno contro gli avversari, inventandosi di sana pianta accuse campate in aria o utilizzando vecchie storielle che non incantano più nessuno. E smetta i panni di paladino di Lamezia Terme! Se i lametini lo avessero percepito come tale non lo avrebbero umiliato nelle ultime elezioni comunali dove non è nemmeno riuscito ad entrare in Consiglio come sindaco sconfitto. Mi quereli pure. Di querele per diffamazione lui se ne intende, se è vero che egli risulta già sotto processo per tale reato. E ora dovrà rispondere anche della diffamazione rivolta al sindaco Abramo, al quale ha pubblicamente attribuito frasi totalmente false. Altro che analisi politiche! “Domenico Tallini



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code