Caruso Costruzioni spa, sospesa interdittiva antimafia

Calabria, Domenica 04 Novembre 2018 - 08:54 di Redazione

E’ stata sospesa ex lege l’interdittiva antimafia nei confronti della Caruso Costruzioni spa. Con decreto n.24/2018 il Tribunale di Catanzaro, sezione seconda, ha disposto l’immediata sospensione del provvedimento emesso lo scorso maggio dalla Prefettura di Catanzaro a seguito di quanto emerso dall’operazione “Jonny” e, di conseguenza, l’ammissione della Caruso Costruzioni S.p.a alla procedura di controllo giudiziario ai sensi dell’art 34 bis, comma 6, del d. lgs 159/2011. Può tirare un sospiro di sollievo, quindi, la Caruso Costruzioni, ed il suo amministratore unico Alessandro Caruso, ex presidente di Ance Catanzaro – associazione che raggruppa i costruttori edili- (prontamente dimessosi proprio a seguito della vicenda), che grazie all’adozione di tale misura è legittimato a riattivare regolarmente la propria attività, evitando peraltro la dispersione di posti lavoro tra i suoi dipendenti. L'ammissione all’istituto del controllo giudiziario può essere disposta dal Tribunale su iniziativa del Procuratore della Repubblica ovvero su iniziativa dell'imprenditore, individuale o societario, destinatario dell'informativa interdittiva antimafia.

E’ stata sospesa ex lege l’interdittiva antimafia nei confronti della Caruso Costruzioni spa. Con decreto n.24/2018 il Tribunale di Catanzaro, sezione seconda, ha disposto l’immediata sospensione del provvedimento emesso lo scorso maggio dalla Prefettura di Catanzaro a seguito di quanto emerso dall’operazione “Jonny” e, di conseguenza, l’ammissione della Caruso Costruzioni S.p.a alla procedura di controllo giudiziario ai sensi dell’art 34 bis, comma 6, del d. lgs 159/2011. Può tirare un sospiro di sollievo, quindi, la Caruso Costruzioni, ed il suo amministratore unico Alessandro Caruso, ex presidente di Ance Catanzaro – associazione che raggruppa i costruttori edili- (prontamente dimessosi proprio a seguito della vicenda), che grazie all’adozione di tale misura è legittimato a riattivare regolarmente la propria attività, evitando peraltro la dispersione di posti lavoro tra i suoi dipendenti. L'ammissione all’istituto del controllo giudiziario può essere disposta dal Tribunale su iniziativa del Procuratore della Repubblica ovvero su iniziativa dell'imprenditore, individuale o societario, destinatario dell'informativa interdittiva antimafia.La Caruso Costruzioni S.p.a. si è sottoposta a tale misura volontariamente, riponendo  massima fiducia nella Giustizia e con la certezza di poter dimostrare la propria assoluta estraneità alla vicenda. Il Tribunale di Catanzaro ha accolto senza indugio l’istanza presentata dai legali della società, Giancarlo Pittelli e Saverio Sticchi Damiani, ammettendo la società alla misura ex art. 34 bis. Lo strumento del controllo giudiziario a iniziativa dell'imprenditore, -istituto introdotto dalla Legge n. 161/2016, che si concretizza nella nomina di un amministratore giudiziario che ha il compito di affiancare, per il periodo fissato dal Tribunale (nel caso di specie, due anni)-, l'imprenditore individuale o l'organo amministrativo nella società (che mantengono la gestione dell'impresa), trova concreta possibilità di operare solamente in riguardo ad imprese per le quali sia stata accertata una posizione di terzietà (sia nel senso di assenza di immedesimazione dell'impresa con soggetti o gruppi mafiosi e sia nel senso di mancato conseguimento di vantaggi o utilità). In tale ambito, il controllo giudiziario assolve a una funzione di supporto all'impresa, nel mentre il Tribunale esprime una valutazione sulla capacità dell'impresa di poter attuare dall'interno essa stessa un’azione di bonifica delle eventuali anomalie.

L’impresa così ritorna "in bonis" e (ri)acquista la sua capacità di partecipazione agli appalti pubblici e di stipulare contratti con la pubblica amministrazione, sotto la scorta di una sorta di “tutoraggio” degli organi societari, che rimangono in carica e nella pienezza dei poteri di amministrazione e gestione della società. In altre parole, il Tribunale di Catanzaro - chiamato a verificare la ricorrenza dei presupposti di ammissione al controllo giudiziario - ha ritenuto che la richiesta avanzata da Caruso Costruzioni S.p.A. fosse meritevole di accoglimento, “in quanto i fatti posti a fondamento della informazione interdittiva mafiosa, per un verso evidenziano una condizione di estraneità della società ricorrente rispetto alla consorteria mafiosa […] ovvero rispetto a imprese, a loro volta destinatarie di informazione antimafia interdittiva, con le quali la Caruso Costruzioni ha intrattenuto rapporti commerciali, e, per altro verso, rivelano un rischio di contaminazione , discendente da tali rapporti, di grado ridotto e modesto, eliminabile con la cessazione, ove non già avvenuta, dei rapporti di tipo economici intrattenuti con le suddette imprese, eliminazione la cui effettività può costituire oggetto di specifica verifica da parte dell'amministratore giudiziario”. - così si legge nel provvedimento dei giudici Valea, Mamma e De Salvatore -.

Nello stesso provvedimento si legge come “la segnalata forma di "protezione" attuata, secondo il racconto del collaboratore di giustizia, nei riguardi di alcuni cantieri in Catanzaro e da cui vorrebbe farsi discendere una sorta di permeabilità della società alle sollecitazioni provenienti da organizzazioni a connotazione mafiosa, appare essere messa in crisi da quanto segnalato dalla società nel ricorso al TAR, non contraddetto dalle altre parti, vale a dire la presentazione di numerose denunce per danneggiamenti e furti di materiale e attrezzature dai cantieri e la predisposizione di servizio di vigilanza a tutela dei cantieri stessi, da cui si ricava, in ogni caso, la determinazione della società di tutelare il proprio patrimonio attraverso il ricorso ad attività lecite”.In ogni caso deve osservarsi che le dichiarazioni rese dal collaboratore di giustizia fanno riferimento a vicende oramai datate ed il provvedimento impugnato non enuncia ulteriori situazioni da cui possa farsi discendere o anche solo prefigurare collegamenti della società con contesti mafiosi. La Caruso Costruzioni resta quindi in attesa degli esiti del processo amministrativo,  proseguendo regolarmente con le proprie attività, confidando nel controllo giudiziario e nella prosecuzione del percorso positivo già intrapreso dai giudici.



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code