Cristiano Ronaldo alla Juventus, il Real Madrid accetterà l'offerta

Italia, Martedì 03 Luglio 2018 - 19:44 di Redazione

"Cristiano Ronaldo e' sempre piu' lontano dal Real, e a meno di inversioni di tendenza (non impossibili) il prossimo anno giocherà nella Juventus". Marca insiste, ed evocando fonti ben informate assicura che il club di Florentino Perez e' costretto ad accettare l'offerta di acquisto, che al momento vede in pole il club bianconero. Se infatti nel contratto di Ronaldo e' inserita una clausola di 1.000 milioni di euro, una scrittura privata tra giocatore e Perez impegna il Real a non ostacolare la cessione se il giocatore lo chiede e se arriva un'offerta congrua: che a questo punto, sarebbe di 100 milioni al club e 30 netti a stagione al giocatore. Nella scrittura, si porrebbe un veto alle 'rivali dirette', e su questo Ronaldo punterebbe per facilitare la cessione alla Juve.

"E' la Juve il club in pole position per ingaggiare Cristiano Ronaldo", aveva anticipato il quotidiano Marca, solitamente molto ben informato sulle vicende Real Madrid. La notizia è pubblicata anche dal portoghese A Bola. Secondo Marca, che apre il giornale di oggi col titolo a tutta pagina "La Juve punta dritto su CR7", il club bianconero è pronto a offrire 120 mln di ingaggio fino al 2022. La clausola di 1 miliardo, sottolinea sempre il giornale, è in realtà ampiamente trattabile "a cifre accessibili". Cristiano Ronaldo era stato evasivo sul suo futuro dopo l'eliminazione dai Mondiali del 'suo' Portogallo. "Per ora non è il momento di parlare di futuro" aveva detto il Pallone d'Oro,restando sempre sempre in bilico, fra il desiderio di lasciare il Real Madrid e la sua 'inaccessibilità' economica, sia a livello contrattuale (ha chiesto al club un contratto di 40 milioni), sia a causa di una clausola rescissoria-monstre di mille milioni. 

Il 3 aprile scorso il Real batte 3-0 in casa la Juventus, un evento che non accadeva dai tempi di Di Stefano. Ma a rimanere negli occhi - per la bellezza del gesto atletico - sarà  la perla del gol del 2-0 Cristiano Ronaldo. Dal 3 giugno in Champions Cr7 non aveva piu' saltato un solo appuntamento con la rete, ma la rovesciata di quella sera e' stato forse uno dei piu' bel gol di tutti i tempi. In piedi ad applaudire il portoghese si e' alzato tutto lo stadio, a battere le mani c'erano anche molti ultra' della 'Sud', da sempre poco inclini ad esternare ammirazione per le prodezze degli avversari.Ronaldo, il fuoriclasse mai sazio - Issandosi lassu', vicino al cielo, quella sera del 3 aprile allo Juventus Stadium, Cristiano Ronaldo ha messo per una volta forse tutti d'accordo. Dopo quell'acrobatica rovesciata, a Kiev e' arrivata anche la sua 5/a Champions e tante altre giocate d'autore. Di questo fuoriclasse, nato a Funchal il 5 febbraio 1985, si e' ormai detto e scritto tutto. E' considerato, insieme a Messi, il calciatore piu' decisivo in assoluto dell'ultimo decennio, come anche i 5 Palloni d'Oro e la miriade di trofei e premi conquistati stanno li' a dimostrare. E' lui il padre-padrone del Portogallo e del Real Madrid, e' lui che ha trascinato i lusitani alla fase finale dei Mondiali in Brasile: prototipo dell' attaccante moderno, CR7 e' un giocatore fantasioso, agile, potente, veloce. Se in forma, marcarlo diventa praticamente impossibile. Sa giocare per la squadra ed e' dotato di un tiro preciso e velenoso. Se e' vero che un giocatore non fa una squadra, CR7 rappresenta l'eccezione. Con lui, si dice, la sua squadra parte sempre dall'1-0 e, soprattutto, non e' tipo di giocatore da sparire quando la posta si alza e il gioco si fa duro.

Ansa



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code